Il Foggia perde 2-1 a Verona e saluta la Serie B in attesa delle sentenze

0
134 views

Il Foggia si fa rimontare dal Verona al モBentegodiヤ perdendo 2ヨ1 e, complice la vittoria in rimonta del Venezia sul Carpi, retrocede in Serie C in attesa delle sentenze del CONI sulla restituzione di un punto di penalizzazione e del Tribunale Federale Nazionale sulla vicenda del Palermo.

Aglietti opta per un 4-3-3 con Silvestri in porta; Almici e Vitale terzini con Dawidowicz ed Empereur centrali; in mediana c�� Gustafson, con Zaccagni e Henderson interni; in avanti il trio offensivo � composto da Matos, Di Carmine e Laribi.
Grassadonia risponde con un 3-5-2 che vede Leali tra i pali; difesa con Martinelli e Ranieri ai lati di Billong; a centrocampo Greco agisce da playmaker tra le mezzali Busellato e Deli e gli esterni Gerbo e Kragl; in attacco Galano agisce a supporto di Iemmello.

Il Foggia parte meglio impegnando Silvestri con Kragl al 6� con un tiro-cross e costringendo il portiere scaligero ad un grande intervento di pura reattivit� sul tiro a botta sicura del tedesco al 16�, con nel mezzo il tiro alto al 7� di Billong.
Al 26メ Iemmello calcia debolmente con il mancino tra le mani di Silvestri dopo aver puntato Dawidowicz sullo slancio, poi lメHellas si inizia a rendere pericoloso prima con un tiro di Matos che termina di poco alto sulla traversa al 27メ, poi con la prima parata di Leali che salva a tu per tu con Di Carmine al 28メ, ed infine, sul corner seguente, con la conclusione di poco a lato di Laribi da fuori area.
Al 34� � ancora l�ex Foggia di origini tunisine ad impegnare Leali, che riesce a salvarsi anche grazie all�aiuto del palo.

Per attendere nuove emozioni si deve attendere la ripresa, con la mira di Vitale al 48メ che risulta essere imprecisa prima che al 51メ Galano non riesca ad arrivare in tempo su un buon cross tagliato di Kragl, ma al 53メ il Foggia trova il vantaggio: Greco serve Iemmello che parte in posizione regolare, controlla il pallone lo difende con il corpo dallメintervento di Empereur ed incrocia con il destro battendo Silvestri.
La reazione dei padroni di casa non si fa attendere, con Leali che dice no ad Alimici al 55メ ed al 65メ, con azioni intervallate da due conclusioni di Laribi (60メ e 63メ) e dalla conclusione imprecisa di Galano al 64メ, prima del pareggio: Di Carmine riceve da Henderson, si libera con un buon movimento della pressione di Billong ed angola benissimo con il mancino battendo Leali.
I モSatanelliヤ non ci stanno e hanno subito due ghiotte occasioni per riportarsi in vantaggio, con Galano che al 68メ si fa prima murare da SIlvestri e poi spara alto a portiere battuto e poi Iemmello che al 69メ non riesce ad infilare il cross dalla destra partito proprio dal piede di Galano a porta praticamente vuota, deviando fuori con il petto.
La partita sembra stabilizzarsi, ma il colpo di scena � dietro l�angolo e giunge all�80�, quando, sul cross di Laribi respinto da Billong, Martinelli si fa anticipare in area di rigore dal subentrato Colombatto e lo stende sullo slancio: sul dischetto si presenta Di Carmine che incrocia il destro spiazzando Leali e porta sul 2-1 la partita.
L�Hellas Verona rimane in dieci all�83� a causa dell�espulsione per somma di ammonizione di Almici ed il Foggia pigia sull�acceleratore battendo numerosi angoli e punizioni, ma senza creare grattacapi a SIlvestre fino all�88�, quando deve opporsi con un intervento acrobatico su Galano per salvare il risultato. Poi non accade praticamente pi� nulla di importante, se non la cosa peggiore per il Foggia: il Venezia rimonta da 2-0 a 2-3 il Carpi e condanna i rossoneri alla retrocessione.

L�Hellas Verona ritrova la vittoria dopo 8 partite in cui aveva raccolto solamente 4 punti, ed accede ai playoff da sesto qualificato, cosa che gli permetter� di disputare il match in scontro diretto dei quarti di finale in casa.
Il Foggia torna a perdere dopo due successi e saluta la Serie B dopo due anni, a meno che una nuova flebile speranza non venga accesa dalle sentenze dei prossimi giorni.

Il tabellino

Hellas Verona – Foggia 2-1
53メ Iemmello (Fog), 66メ e rig. 81メ Di Carmine (HVr)

Hellas Verona (4-3-3): Silvestri; Almici, Dawidowicz, Empereur, Vitale; Zaccagni, Gustafson, Henderson (78メ Colombatto); Matos (68メ Lee), Di Carmine, Laribi (84メ Bianchetti)
A disposizione: Ferrari, Berardi, Marrone, Pazzini, Balkovec, Kumbulla, Tupta
Allenatore: Sig. Alfredo Aglietti

Foggia (3-5-2): Leali; Martinelli, Billong, Ranieri (85メ Matarese); Gerbo, Busellato, Greco, Deli (85メ Cicerelli), Kragl; Galano, Iemmello (78メ Mazzeo)
A disposizione: Noppert, Agnelli, Loiacono, Arena, Zambelli, Ngawa, Boldor, Sonnini, Di Masi
Allenatore: Sig. Gianluca Grassadonia

Arbitro: Sig. Davide Ghersini di Genova
1メ Assistente: Sig. Marco Scatragli di Arezzo
2メ Assistente: Sig. Paolo Formato di Benevento
Quarto Uomo: Sig. Francesco Guccini di Albano Laziale

Ammoniti: 6メ Almici (HVr), 32メ Busellato (Fog), 41メ Gustafson (HVr), 54メ Iemmello (Fog), 89メ Materese (Fog)
Espulsi: 83メ Almici (HVr)