IL PROFILO CALCISTICO DI FEDERICO GENTILE

0
187 views

scritto da Piero Colangelo
Match Analyst FIGC, SICS , PANINI
Allenatore UEFA B
Osservatore Scout R.O.I.
Il Calcio Foggia 1920 annuncia il suo primo acquisto : Federico Gentile. L’acquisizione del centrocampista romano non prende di sorpresa la tifoseria foggiana, avendola anticipata sin dalla prima intervista il presidente Felleca.
Vediamo allora di conoscere il centrocampista ex Como che ha vinto il campionato di serie D superando sul filo di lana il forte e maggiormente quotato Mantova e totalizzando la bellezza di 86 punti in sole 33 partite, facendone una sorta di scheda tecnica .
Pupillo di Ninni Corda, il ragazzo nativo di Roma ha sin da subito dato il suo assenso al trasferimento al Foggia nella convinzione di poter dare ancora molto sotto l’aspetto tecnico e caratteriale. Non è difficile prevedere che Federico Gentile sarà tra quei calciatori in grado di elevare il tasso qualitativo e di personalità della squadra foggiana.
Federico Gentile è nato a Roma il 27 gennaio 1985, ha quindi compiuto trentaquattro anni.
Calciatore ben strutturato fisicamente, normolineo, di altezza media. Mostra un volume muscolare, sia del tronco che degli arti inferiori, abbastanza pronunciato, tipico dei centrocampisti forti in fase di marcatura. Le spalle sono larghe e ben allineate.
Non particolarmente veloce nel breve, dimostra di essere in possesso di una buona corsa in progressione. La muscolatura si presenta molto reattiva e tale da consentire al calciatore balzi e salti notevoli.
Sotto l’aspetto prettamente tecnico il calciatore è un destro naturale in grado di usare entrambi i piedi con una certa disinvoltura. Non possiede però una spiccata intelligenza tattica e capacità di dettare i tempi di gioco. A nostro parere rende maggiormente come mezzala che come play di centrocampo tanto da poter essere considerato la classica mezzala da 4-3-3. Si dimostra infatti molto bravo nella riconquista della palla e nella conduzione della stessa. Bravo anche nei movimenti senza palla e pericolose sono le sue incursioni da dietro per sorprendere le difese avversarie.
In questi ultimi anni si è meritato l’appellativo di centrocampista goleador, avendo realizzato nelle due stagioni giocate con la maglia del Como la bellezza di 25 goals.
Pur essendo di ruolo un centrocampista, quando Gentile si spinge in avanti, dimostra di avere le caratteristiche della punta di razza.
La sua pericolosità in fase realizzativa si manifesta soprattutto su palla inattiva. Grazie alle sue doti di tempismo, accompagnate dalla notevole esplosività muscolare, riesce spesso a rubare tempo e posizionamento al diretto marcatore e colpire con precisione di testa a rete. Si apposta preferibilmente sul primo o secondo palo, ma a volte riesce ad essere risolutivo anche partendo da posizione centrale. Bravo anche a staccarsi dalla marcatura ai limiti dell’area e colpire a rete venendo a sostegno della punta centrale. Le sue conclusioni sono precise e potenti.
Difficilmente sbaglia dagli undici metri, preferendo le conclusioni di potenza ed a mezza altezza che non lasciano scampo al portiere.
Si ha la sensazione che il calciatore romano avrebbe meritato di calcare anche i palcoscenici di serie B. Ci è andato vicino con la Robur Siena e soprattutto con la Spal, ma forse i due migliori campionati sono stati giocati proprio a Como. Non sono rari i calciatori che affinano le loro qualità tecniche e tattiche proprio dopo aver superato la trentina.
Siamo certi che il nuovo Foggia abbia iniziato con il piede giusto l’acquisizione dei calciatori, potendo già contare su un ragazzo che, alle doti tecniche , unisce notevoli qualità umane e caratteriali.