Impresona il Foggia

0
20 views

“Una partita storica, siamo tosti”. Stringara “Giuste le espulsioni, tranne la mia. Noi ingenui, ma abbiamo lottato e colpito”

Il Foggia passa a Benevento (1-0) con una partita speciale, anzi, proprio come viene definita dal tecnico Paolo Stringara “un�impresa che rimarr� nella storia per come s�� sviluppata”. La formazione pugliese, ridotta in 9 uomini per le espulsioni di Traor� e di Perpetuini, oltre a quella dell�allenatore (tutte nel primo tempo), riesce a chiudere ogni varco al Benevento, diventa speculativo e muscoloso, corre e non fa ragionare, vince i duelli a centrocampo, chiude gli spazi e nei minuti finali della contesa, piazza il gol del k.o. con una perla di Kolawole, mettendo a zittire lo stadio sannita. Una vittoria che ai pugliesi mancava a Benevento dal 26 settembre 2004, quando con Mounard vince per 3-2 rimontando un 2-0 del primo tempo. Questo successo porta a nove i punti consecutivi in tre partite lanciando i rossoneri nella rincorsa ai playoff: poi ci sar� il posticipo di luned� sera contro il Pisa allo Zaccheria.

Le espulsioni – Soddisfazione misurata per Paolo Stringara, nonostante la bella affermazione ottenuta contro un Benevento in pieno rilancio. “Ammetto che ad inizio partita siamo stati degli ingenui � commenta l�allenatore Stringara che � subentrato all�esonerato Bonacina dalla nona giornata -: Traor� � un grande calciatore con una foga incredibile ed ecco il perch� della sua espulsione. Anzi sul fatto siamo rimasti in nove uomini non discuto, per quanto riguarda il mio allontanamento dalla panchina dico solo che l�arbitro lo ha fatto con molta fretta, per� abbiamo avuto il pregio di rimanere tranquilli sino alla fine. In tal modo posso dire che abbiamo compiuto una vera e propria incredibile impresa”.

Forze in pi� – Un Foggia che lamentava assenze importanti eppure � riuscito a imporsi in una sfida piena di insidie: un segnale ben chiaro sulle potenzialit� della squadra rossonera soprattutto in chiave alta classifica. “Diciamo che si tratta di un buon gruppo � sottolinea il 49enne tecnico toscano �. Durante la sosta del campionato la squadra ha lavorato bene visto che alla fine della partita ci siamo arrivati con una condizione fisica eccezionale e questo � stato il nostro pregio principale perch� loro ci attaccavano da ogni parte e noi eravamo sempre pronti a rintuzzare e ripartire in contropiede che alla fine � stato per il Benevento letale “.

Il carattere – Stringara parla con orgoglio della sua formazione, che dimostra di avere forti doti caratteriali. “Il Foggia � una squadra portata a dare il massimo sul piano agonistico, combattiva e concreta. Questa solidit� e tenacia sono molto importanti in un torneo lungo e difficile qual � quello di Prima divisione”.

Fonte: La Gazzetta dello Sport
Foto: Antonello Forcelli