La Ternana: disastrosa nel girone di ritorno

0
21 views

PROBLEMI E CONTESTAZIONI- Quanti problemi, quanti patemi d’animo, quante cervellotiche decisioni hanno afflitto le menti dei tifosi della Ternana in una stagione che definire grottesca è riduttivo. E’ successo di tutto dalla mesta retrocessione in C1 dello scorso anno. Si è partiti con una rosa smisurata, capace di poter mettere in piedi (numericamente) almeno due squadre di calcio, di cui una capacissima di vincere a mani basse il torneo. Basti pensare chi componeva la rosa a settembre. La Ternana si è concessa il lusso di tenere in tribuna o addirittura fuori rosa calciatori come Jimenez (adesso in forza alla Lazio ed autore di uno splendido gol all’Ascoli), Kharja ( ex Roma ora al Piacenza), Oshadogan (ex Foggia), Candreva (giovane gioiello delle nazionali minori italiane a lungo tenuto in tribuna per presunti problemi di tranquillità), e tanti, tanti altri. Sulla panchina rossoverde sono passati ben quattro allenatori, con il piccolo interregno di Pino Giusto, allenatore durato due giorni, salvo poi desistere per presunti problemi familiari. Sotto la guida di Raggi i rossoverdi hanno fatto parlare di sé soprattutto per gli aspetti extracalcistici come ad esempio il lungo braccio di ferro tra la società e la coppia Jimenez – Kharja per ottenere lo svincolo d´ufficio, la guerra fredda tra Oshadogan e Raggi con il primo invitato dal tecnico a non allenarsi con la squadra per dedicarsi al golf, con tanto di risposta del difensore genovese, presente all’allenamento successivo con mazze da golf, polo e berretto da perfetto golfista. Addirittura l’intervento del 118 per permettere alla squadra di allenarsi. Senza dimenticare l’interminabile querelle stadio che ha costretto la Ternana a girovagare per l’Italia a causa della mancata convenzione tra comune e società per l’utilizzo dell’impianto umbro. Infine la continua contestazione dei tifosi sofociata nell’aggressione a Cardona di qualche giorno fa.

UNA SQUADRA DA TRASFERTA- Se fuori dal campo non ha brillato lo stesso si può dire in campo dove in trenta partite ha ottenuto 32 punti, frutto di 7 vittorie, 11 pareggi, 12 sconfitte, 25 gol fatti e 33 subiti. Un dato non esaltante ma che va letto nel dettaglio. Dei trentadue punti totali ben diciassette sono stati conquistati in trasferta, un dato che fa dei rossoverdi la sesta squadra per rendimento esterno, immediatamente dietro il Foggia.

GIRONE DI RITORNO DISASTROSO- Analizzando il trend registrato nel girone di ritorno ci accorgiamo, però, che la Ternana non vince da ben 12 turni (unica vittoria contro il Giulianova in casa), nell’arco dei quali ha ottenuto solo sette pareggi. Il dato più preoccupante arriva dai gol fatti. La formazione dell’attuale tecnico Marino viaggia alla media di meno di un gol a partita (9 realizzazioni per Tozzi Borsoi e soci).

LE ULTIME SEI IN TRASFERTA- Nelle ultime sei trasferte il ruolino di marcia recita: 4 pareggi, due sconfitte (contro Ravenna e Cavese), sei gol realizzati ed otto subiti. Da segnalare il pareggio prezioso guadagnato sul campo dell’Avellino nell’ultima gara lontano dalle mura amiche. Un tre a tre che ha lasciato parecchi rimpianti soprattutto in casa irpina che ha accusato apertamente la terna arbitrale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui