L´avversario di turno:A.C.R.Messina

0
20 views

Il difficile avvio di campionato dell´ Acr Messina,prossimo avversario del Foggia,� la premessa di un incontro che si preannuncia combattuto e carico di insidie.La compagine peloritana infatti � reduce dalla sconfitta per 2 a 1 in casa della Juvestabia che gi� seguiva il pareggio raggiunto solo al 90´ contro la Virtus Francavilla:eppure la prestazione convincente alla prima di campionato contro il Siracusa,vinta con merito per 3 a 1,tra le mura amiche lasciava ben sperare la tifoseria messinese per le partite a venire,speranze poi rivelatesi illusioni sette giorni dopo nel sentitissimo “derby dello Stretto” perso per 2 reti a zero contro la Reggina di Karel Zeman.L´inquietudine che serpeggia in casa Messina non � per� solo effetto delle prestazioni altalenanti degli uomini guidati da mister Sas� Marra ma anche la conseguenza di vicende societarie che sembrano non conoscere soluzione di sorta:il presidente Natale Stracuzzi � intenzionato a cedere l´intero pacchetto azionario del Messina ormai da mesi ma le due proposte inviate in passato da Franco Proto,imprenditore ennese gi� presidente dell´Atletico Catania,sono state entrambe rispedite al mittente,soprattutto per quanto concerne una contropartita compresa tra i 250mila e i 500mila euro da versare nel caso di promozione in B nel prossimo triennio,ipotesi scartata dall´attuale dirigenza,incline ad ottenere un contributo immediato,e ormai dallo stesso Proto;tuttavia ad oggi le parti sembrano pi� vicine ad un accordo su altre e pi� solide basi.Considerata la fame di risultati del club giallo-rosso,il match in programma luned� sera allo stadio San Filippo “Franco Scoglio” di Messina sembra poter dare risposte importanti in merito al reale tasso tecnico di una squadra composta da molti giovani elementi e ben disposta dall´allenatore Sas� Marra,il quale,dopo la sconfitta di Reggio Calabria,ha abbandonato il 4-3-3 del suo predecessore Valerio Bertotto (arrivato in estate ma gi� esonerato il 20 agosto scorso) per passare al 3-5-2. L´importanza del ruolo degli esterni di centrocampo Ionut e Akrapovic � palese:tuttavia i due hanno fin qui deluso le aspettative.In difesa i terzini Andrea De Vito (ma non ci sar� contro il Foggia perch� squalificato) e Francesco Mileto e Giordano Maccarone a centrale difensivo assicurano quantit� e qualit� al reparto.La porta � affidata ad Alessandro Berardi.A centrocampo Capua (o Lazar),Musacci (anch´egli squalificato) e Foresta,oltre ai gi� citati Ionut e Akrapovic esterni. In attacco la qualit� � data da Demiro Pozzebon (gi� tre reti per lui) e il classe ´95 Jacopo Ferri preferito all´esperto Madonia,non al meglio della condizione.

Questa la rosa a disposizione di mister Salvatore Marra,composta da ben 32 elementi:

Portieri:
Alessandro Berardi,Giovanni Russo

Difensori:
Andrea De Vito,Giordano Maccarone,Francesco Mileto,Luigi Palumbo,Sebastian Fusca,Salvatore Marseglia,Angelo Rea,Filip Ionut,Luca Bruno

Centrocampisti:
Alexandru Lazar,Giuseppe Capua,Aaron Akrapovich,Manuel Milinkovic,Gianluca Musacci,Giovanni Foresta,Manuel Mancini,Felice Gaetano,Fabrizio Bramati,Fabio Bossa,Jami Rafati,Simone Ricozzi,Ferdinando Maniscalchi,Armando Topo

Attaccanti:
Demiro Pozzebon,Jacopo Ferri,Giuseppe Madonia,Nicola Ciccone,Cristiano Ciccone,Luca Crudo,Anthony Scarbaci