Mancino a Calciofoggia:”Foggia e lo Zaccheria…quante emozioni”

0
23 views

“Siamo a due punti dai play off ma non abbiamo ottenuto ancora niente”. Nicola Mancino non fa sconti ai sognatori e, giustamente, richiama tutti all´ordine. Sembrano quasi suonar male queste parole pronunciate dalla bocca di un fantasista, di colui che in campo usa più il cuore e l´istinto che la razionalità. Come quando domenica, con un tacco alla “Redondo” ha saltato il suo avversario diretto, in un dribbling che testimonia il suo crescente stato di forma. “Mi permetto di provare qualche giocata in più, di fare qualcosa di importante ma è solo un´azione nella partita. Il vero impegno dobbiamo profonderlo tutti nel cercare di fare più punti possibili da qui alla fine”. Il prossimo avversario, però, non è di quelli semplici. Classifica deficitaria ed ambiente caloroso fanno di Pagani un campo difficile da espugnare. Nicola non si scompone e risponde:”Andremo a Pagani per fare la nostra partita. L´ambiente caldo? Anche Foggia lo è, siamo abituati”. Il Pubblico. La discriminante che ha portato Mancino ascegliere Foggia invece di altre piazze. L´ex Martina, che non ha mai lesinato complimenti ai suoi nuovi sostenitori, sembra aver superato gli iniziali timori reverenziali verso la platea rossonera. “Domenica ho avuto un bell´impatto con il pubblico -sorride Mancino- ero emozionatissimo. Vedere tutta quella gente mi mette i brividi addosso e lo stadio, da quello che mi dicono, non era nemmeno pieno…”. Sembrano lontane le fasi iniziali di Foggia – Pro Patria ed i primi timidi fischi dagli spalti. “Ho vissuto male quei tre minuti più per il tremore alle gambe che per altro. Il gol segnato su azione di calcio d´angolo mi ha aiutato molto, mi sono sciolto e tutto è diventato più facile”.