Messina-Casertana 2-1: i peloritani rialzano la testa, contro i falchetti vittoria tutto cuore

0
27 views

Mezz´ora ad altissimo livello e il Messina batte 2-1 la Casertana grazie ai lampi di Madonia e Rea. Un primo tempo semplicemente perfetto, macchiato solo dal gol subito da Corado al 47´, che riconcilia la squadra con la sua gente, complice anche una ripresa giocata in costante proiezione difensiva gettando il cuore oltre l´ostacolo e senza concedere nulla all´avversario. “Vi vogliamo cos�” � il coro che si eleva dalla Curva al triplice fischio dell´arbitro: Lucarelli esordisce anche in campionato con un successo che, tra le mura amiche e fatta eccezione per la gara di Coppa, mancava dalla prima giornata contro il Siracusa.

Come anticipato alla vigilia, Lucarelli propone il 4-3-3 nonostante lメassenza dello squalificato Pozzebon e schiera Ferri e Milinkovic ai lati di Madonia. In mezzo al campo Mancini vince il ballottaggio con Capua e fa reparto con Foresta e il play Musacci. In difesa, davanti a Berardi ci sono Maccarrone (preferito a Palumbo e Bruno) e Rea al centro con De Vito a sinistra e lメutlimo innesto Grifoni a destra.

Il Messina gestisce la prima parte di gara, complice una Casertana schierata con 3-4-1-2 fin troppo offensivo, specie per gli elementi schierati sulle corsie esterne, dove Ferri e Milinkovic dominano la scena. Dopo una conclusione sballata di Corado al 7�, i biancoscudati prendono possesso del campo, imperversano in contropiede e al 16� passano in vantaggio: Foresta smarca Ferri che libera Madonia davanti a Ginestra, piattone destro vincente e quarto gol stagionale tra campionato e Coppa (il terzo nell�ultima settimana). Gira a meraviglia il Messina di Lucarelli e al 20�, su corner di Milinkovic, stacco vincente di Rea che firma la prima rete in assoluto con la maglia biancoscudata. La Casertana si getta scriteriatamente in attacco ed � sempre presa in contropiede dai veloci biancoscudati: al 24� Ferri serve Milinkovic che salta un uomo e cambia gioco per Foresta, stop di petto e destro dell�ex Crotone che si perde largo. Messina perfetto nella prima mezz�ora che va ancora vicino al 32� con un colpo di testa di Maccarrone, su angolo di Ferri, che sibila sul fondo alla destra di Ginestra. � l�ultima offensiva dei padroni di casa che pagano dazio a un po� di stanchezza e nel finale lasciano campo alla Casertana: i campani prima sfiorano il gol con un colpo di testa debole di Corado che Berardi blocca senza problemi e, proprio allo scadere, accorciano con lo stesso attaccante, bravo a girare di tacco sul primo palo un cross basso di Carlini.

Si riparte con una novit� tra i falchetti: Colli prende il posto di uno spento Finizio che a destra ha concesso tantissimo campo a Ferri. La Casertana agisce stabilmente nella met� campo del Messina pur senza creare pericoli dalle parti di Berardi. Al 57� Palumbo rileva Ferri, Grifoni sale nel tridente a sinistra con il neoentrato che si schiera da terzino destro. Prima opportunit� della ripresa per il Messina al 61�: Milinkovic lancia Mancini, stop e tiro al volo in precario equilibrio che si perde alto. Due minuti dopo finisce la partita di uno stremato Grifoni, tra i migliori in campo, rilevato da Capua. Premono i campani, collezionano angoli in serie e, dopo una punizione innocua di Ramos al 68� bloccata da Berardi, � una provvidenziale deviazione di Maccarrone a far scivolare in corner la botta di Matute. Ultimo cambio per Lucarelli al 77� con Akrapovic che sostituisce Madonia. Il Messina si difende con ordine ma all�83� serve un miracoloso intervento in scivolata di Rea per fermare l�iniziativa personale di Corado che si sarebbe trovato a due passi da Berardi. All´86´ grandi proteste di mister Tedesco per un presunto fallo di mano in area di Musacci e l´arbitro manda anzitempo negli spogliatoi il tecnico campano. Il signor Schirru concede ben 6 minuti di recupero e allo scoccare del 92´ Milinkovic si lancia in contropiede e in diagonale � fermato solo dalla base del palo che impedisce ai biancoscudati di vivere un finale pi� sereno. Bravi, comunque, gli uomini di Lucareli a gestire il pallone lontano dalla porta di Berardi e al triplice fischio pu� esplodere la gioia incontenibile dell´intero gruppo.

Messina-Casertana 2-1

Marcatori: 16メ pt Madonia, 20メ pt Rea, 46メ pt Corado (C)

Messina: Berardi; Grifoni (18メ st Capua), Rea, Maccarrone, De Vito; Foresta, Musacci, Mancini; Ferri (12メ Palumbo), Madonia (32メ st Akrapovic), Milinkovic. Allenatore: Cristiano Lucarelli. A disposizione: Russo, Bramati, Fusca, Ricozzi, Bruno, Rafati, Gaetano, Mileto, Marseglia.

Casertana: Ginestra; DメAlterio, Potenza (26メ Giorno), Lorenzini; Finizio (1メ st Colli), Carriero, Matute, Ramos; Carlini; Orlando (16メ st Ciotola), Corado. Allenatore: Andrea Tedesco. A disposizione: Fontanelli, De Marco, Rajcic, Filipe, De Filippo, Taurino, Porcaro.

Arbitro: Fabio Schirru di Nichelino
Assistenti: Valerio Vecchi e Fernando Cantalfio di Lamezia Terme

Ammoniti: Matute (C), Milinkovic (M), Rea (M), DメAlterio (C), Foresta (M), Carriero (C), Berardi (M)
Espulso per proteste al 41´ st l´allenatore della Casertana Tedesco

Corner: 7-9
Recupero: 2メ e 6´

fonte: messinanelpallone.it