Paganese – Juve Stabia 1-2: le vespe espugnano il “Torre”

0
24 views

La decima giornata del girone C di Lega Pro ha offerto il derby campano Paganese- Juve Stabia che ha regalato i tre punti alla squadra stabiese..
L´inizio della prima frazione di gioco � stata shock per la squadra azzurrostellata che, in soli 4 minuti, incassa il primo goal del match: Sandomenico da calcio d´angolo appoggia per Capodaglio e Ripa, sul secondo palo, si tuffa di testa e porta in vantaggio le Vespe, che sfiorano anche il raddoppio con Sandomenico, ma Chiriac si salva in angolo. Il secondo tempo inizia esattamente come il primo. Dopo solo 2´ la Paganese subisce il doppio svantaggio grazie ad Izzillo, che di piatto destro insacca abilmente all´angolino una respinta centrale dell´estremo difensore azzurrostellato. I padroni di casa provano a riaprire la gara con Camilleri, ma non basta. I ragazzi di Gaetano fontana, con grinta e determinazione, portano a casa tre punti fontamentali.

Per questa sfida molto sentita Gaetano Fontana schiera in suoi in campo con l´ormai classico e collaudato 4-3-3, che vede Russo tra i pali, Morero e Atanasov a comporre la diga centrale, coadiuvati sulle corsie laterali da Lisi a destra, che prende il posto di Cancellotti, e Liviero a sinistra. A centrocampo spazio nel terzetto titolare a Mastalli, Capodaglio ed Izzillo, mentre Marotta, Ripa e Sandomenico vanno a formare il tridente offensivo. Di contro, mister Grassadonia, che deve fare a meno di Longo e degli squalificati Alcibiade e Marruocco, decide di mandare in campo l´ex di turno Maiorano nel modulo tattico del 3-4-2-1, con Deli e Cicerelli a coprire le spalle dell´unica punta Reginaldo.
Dopo l´ingresso in campo, la Juve Stabia prende subito in mano il pallino del gioco e inizia a dettare legge. Non a caso, infatti, al 4´ la squadra stabiese passa subito in vantaggio con Ripa, bravo a sfruttare gli sviluppi del primo calcio d´angolo del match a favore delle Vespe, battuto da Sandomenico, e a schiacciare la sfera alle spalle di Chiriac dal secondo palo. Per l´attaccante si tratta del quarto goal stagionale dopo la tripletta rifilata alla Vibonese e la seconda rete del poker contro il Foggia.
I padroni di casa provano a reagire ma per vedere una loro azione bisogna aspettare il 12´ grazie all´iniziativa di Deli; la difesa gialloblu, per�, � brava a chiudere perfettamente tutti gli spazi.
Nonostante la rete iniziale, in campo vige assoluto equilibrio e la gara continua senza regalare troppe emozioni e guizzi n� da una parte n� dall´altra.
Nel giro di pochi minuti la Juve Stabia passa in vantaggio anche per quanto riguarda il numero di ammonizioni, con Liviero, Atanasov e Morero che, rispettivamente al 23´, al 30´, e al 35´, finiscono sul taccuino del direttore di gara.
La squadra stabiese prova a sfruttare e a far prevalere il suo maggiore tasso tecnico ma l´incontro continua a non decollare.
Al 40´ arriva un´occasione per gli ospiti con Sandomenico che ubriaca un difensore avversario all´interno dell´area di rigore e dalla sinistra lascia partire un destro che impegna severamente il numero uno azzurrostellato, il quale vola e mette in angolo.
Il numero 11 gialloblu sfiora il raddoppio e regala l´ultima emozione della prima frazione di gioco che si chiude dopo 2´ di recupero assegnati dal signor Pierantonio Perotti di Legnano.
Dagli spogliatoi rientrano gli stessi ventidue del primo tempo e la ripresa si rivela essere shock per i padroni di casa che, dopo pochi minuti incassano una nuova rete.
Al 3´, infatti, Mastalli crossa dalla sinistra, Chiriac intercetta con i guantoni e respinge, ma Izzillo con una grande intuizione si fionda sulla palla e di piatto destro insacca la palla all´angolino.

Per il centrocampista si tratta della terza rete stagionale, dopo la doppietta nella gara interna con il Melfi.
Grassodonia inizia cos� a cambiare le pedine in campo e, al 8´, Herrera prende il posto di Mansi, mentre Celienta subentra a Cicerelli. Fontana, invece, risponde con Kanout� e Salvi che rilevano rispettivamente Marotta e Capodaglio.
Al 17´ la Paganese ci prova da calcio piazzato ma la sfera termina abbondantemente alla sinistra della porta difesa da Russo. Il derby, per�, si accende a bordo campo: il viceallenatore della Paganese, Fusco, e il DS Ferrigno, iniziano una serie di proteste e vengono spediti negli spogliatoi dal direttore di gara.
Sul rettangolo di gioco, invece, la Paganese, grazie anche alla linfa portata dai nuovi entrati, prova a riaprire la gara e ci riesce al 24´ con Camilleri che, proprio come Ripa nel primo tempo, interviene sugli sviluppi di un corner e piazza la sfera alle spalle di Russo.
La Paganese accorcia le distanze, fissando il punteggio sul 2-1. La squadra azzurrostellata inizia, cos�, a crederci e, al 27´, Picone tenta una conclusione dalla lunghissima distanza, complice la distrazione di Russo che si allontana dalla sua postazione e lascia aperte le porte della rete da lui difesa. Il pallone del n. 23 termina di poco lontano dalla porta.
Al 28´ arriva un´occasione per la Juve Stabia con il neo entrato Kanout� che, smarcato alla perfezione da un assist di Ripa, si invola verso la porta ma Chiriac con un grande intervento dice “No” all´attaccante stabiese.
Nel frattempo, i due allenatori si giocano l´ultimo cambio: nelle fila gialloblu, Rosafio prende il posto di Sandomenico, mentre per la Paganese Iunco rileva Reginaldo.
I padroni di casa le provano tutte per cercare di acciuffare il pari e, al 33´, Deli ci prova dai trenta metri ma la palla esce di poco. La disperata ricerca del pareggio porta i ragazzi di Grassadonia a lasciare ampi spazi in mezzo al campo che favoriscono il contropiede della squadra ospite, che riesce a controllare abilmente il finale di gara.
Dopo 4´ di recupero, termina il derby campano con la squadra gialloblu che con grinta e determinazione porta a casa tre punti fondamentali, volando a 22 punti in classifica ad una sola lunghezza dalla capolista Lecce. Seconda sconfitta consecutiva, invece, per la Paganese che resta ancorata a quota 10 punti.

PAGANESE – JUVE STABIA 1-2

PAGANESE (3-4-2-1): Chiriac; Silvestri, Mansi (8´s.t. Herrera), Camilleri; Della Corte, Maiorano, Pestrin, Picone; Deli, Reginaldo (39´ s.t. Iunco), Cicerelli (20´ s.t. Celiento). (A Disp. Coppola, Dicuonzo, Parlati, Tagliavacche, Mauri, Zerbo, Caruso). All. Gianluca Grassadonia

JUVE STABIA (4-3-3): Russo; Lisi, Atanasov, Morero, Liviero; Mastalli, Capodaglio (19´s.t. Salvi), Izzillo; Marotta (10´ s.t. Kanout�), Ripa, Sandomenico (31´ s.t. Rosafio). (A disp. Bacci, Amenta, Camigliano, Liotti, Petricciuolo, Esposito, Zibert, Del Sante, Montalto). All. Gaetano Fontana.

ARBITRO: Pierantonio Perotti di Legnano

ASSISTENTI: Domenico Lacalamita e Stefano Viola di Bari

MARCATORI: 24´s.t. Camilleri; 4´p.t. Ripa, 3´s.t. Izzillo (JS)

AMMONITI: Camilleri, Deli (P);Liviero, Atanasov, Morero, Lisi, Izzillo, Ripa (JS)

CORNER: 5-3

fonte: stabiachannel.it