Paoloni ai domiciliari. La ricetta intestata alla moglie dopo ricatto

0
23 views

Lᄡex portiere della Cremonese, Marco Paoloni, eᄡ stato posto ai domiciliari nella casa che ha nella sua disponibilitaᄡ a Cremona e la detenzione dovraᄡ essere ᄡᄡapplicata in modo molto rigidoᄡᄡ, ᄡᄡdovendosi escludere che Paoloni possa rientrare nella sua abitazione di Civitavecchia, in quanto in tale contesto, anche in assenza della polizia giudiziaria operante, sarebbe meno controllabile e piuᄡ a rischio di inopportuni contattiᄡᄡ. Il calciatore viene in sostanza scarcerato solo per ᄡᄡla considerazione che allᄡinterno del sistema la detenzione in carcere, soprattutto di incensurati, e il suo prolungamento in questa fase devono essere considerate misure eccezionaliᄡᄡ. Per il resto, la versione che Paoloni ha dato riguardo la vicenda del Minias, che fu somministrato ai giocatori della Cremonese, prima della partita con la Paganase, ᄡᄡcontrasta da un lato con dati di fatto e dallᄡaltro accentua, anche nei riferimenti a un ᄡricatto subitoᄡ, le esigenze relative a una acquisizione genuina della prova, tenendo in ipotesi a rendere meno decifrabile quanto avvenuto nella prima fase della vicenda oggetto dellᄡindagineᄡᄡ. Paoloni, infatti, ha spiegato che la vicenda della ricetta, intestata alla moglie, relativa al Minias era parte di un ᄡricattoᄡ a cui era stato sottoposto da Massimo Erodiani e Marco Pirani, anche loro arrestati nellᄡambito dellᄡ inchiesta ᄡᄡin relazione a debiti maturati nelle scommesse sportiveᄡᄡ.
ᄡDel resto – secondo la sua versione, annota il gip – egli e la sua famiglia sarebbero stati oggetto di minacce e, di conseguenza, la sua collocazione in localitaᄡ distante e invece piuᄡ vicina alla diretta conoscenza dellᄡindagine garantisce non solo migliori controlli ma anche in ipotesi una tutela della sua personaᄡᄡ. Per Salvini, ᄡᄡgli arresti domiciliari devono quindi essere applicati presso lᄡabitazione di cui Paoloni ancora dispone a Cremona, con lᄡassoluto divieto di comunicare in qualsiasi forma con persone diverse dalla moglie, dalla figlia e dai difensori, dovendosi valutare in seguito la possibilitaᄡ di comunicare con altri congiuntiᄡᄡ.

Fonte: resport