Sfogo delle curve e ultimatum alla Pintus

0
814 views

A rompere il silenzio inquietante che aleggia da mesi in casa Foggia ci hanno pensato le due curve che, nella giornata di ieri, hanno esposto davanti i cancelli del Pino Zaccheria diversi striscioni di sollecito nei confronti della dirigenza.

La Curva Nord, in particolare, tramite le proprie pagine social, ha pubblicato il seguente comunicato:

“Come ogni anno siamo fermi a rimuginare sul campionato appena trascorso, ma con la mente proiettata a ciò che verrà. Ecco appunto, cosa ci aspetta la prossima stagione? Che a qualcuno possa andar bene fare campionati mediocri per figurare magari ai Play-off e fare il compitino ci può stare, ma a noi quest’abito sta stretto. Noi siamo ambiziosi, siamo nostalgici dei tempi che furono, siamo visionari. L’anno venturo ci aspetta un campionato in cui dovremo confrontarci con club di spessore, che hanno già cominciato a strutturarsi per essere protagonisti. E noi? Ad oggi non sappiamo chi sarà il Direttore Generale piuttosto che il Direttore Sportivo, né tantomeno l’allenatore. Dottoressa Pintus, il tempo passa e se ne va, ma allo stesso tempo cresce l’impazienza. La linea di confine è molto vicina e non vorremmo cominciare il campionato con il piede sbagliato, nonostante le premesse non siano affatto confortanti”.

Dure, e probabilmente eccessive, le parole degli esponenti della tifoseria foggiana, ma non del tutto campate in aria. Ad un mese e mezzo dal termine del campionato, infatti, la nuova proprietà non ha ancora messo a segno nessun colpo in entrata, né tantomeno blindato l’asse portante della scorsa stagione, a cominciare da Marchionni.

Le tante promesse fatte al momento dell’insediamento sembrano cozzare con la gestione del mercato e lo sfogo palesato dalle due curve è sintomo di un rapporto che comincia ad incrinarsi tra tifoseria e società. La Foggia calcistica da anni vive nell’illusione di un assetto societario stabile, che consenta alla squadra di competere ad alti livelli e di lottare per traguardi importanti, ma puntualmente ci si ritrova con un pugno di mosche in mano.

L’idea che la programmazione e l’ambizione paventate nei mesi scorsi si possano rivelare l’ennesimo buco nell’acqua inquieta i tanti appassionati e contribuisce a creare un forte clima di tensione attorno alla squadra. Foggia attende, più o meno pazientemente, che si muova qualcosa e che, quantomeno, qualche dirigente prenda posizione e si esponga in merito al futuro prossimo che attende il Foggia Calcio.