TEAM ANALYSIS : PERUGIA

0
77 views

scritto da Piero Colangelo
Allenatore UEFA B
Match Analyst SICS
Osservatore Scout R.O.I.

Il Perugia � la vera sorpresa di questo campionato. Squadra completamente rinnovata, con i big che hanno cambiato casacca, a cominciare dal bomber Di Carmine, per passare ai vari Volta, Bonaiuto, Del Prete , Bandinelli, Pajac, Gustafson, Cerri, Colombatto, e per finire a Diamanti. Una vera rivoluzione che ha certamente portato benefici in termini di riduzione del budget del potente industriale Massimiliano Santopatre patron del club e titolare del prestigioso marchio �Frankie Garage�. Marchio italiano ma con localizzazione della produzione in Cina e soprattutto in Turchia.
Dopo alcuni anni di investimenti sconsiderati a cui seguivano risultati sportivi quasi sempre deludenti con la piazza in perenne contestazione, la nuova politica societaria ha fatto si che la rosa fosse composta per lo pi� da calciatori giovani e di sicuro valore, pescati qua e la nei vari vivai, alcuni dei quali acquisiti a titolo definitivo mentre altri solo in prestito, abbandonando in modo definitivo la politica dei �nomi� e dei �proclami� che, specie nel calcio di oggi, troppo spesso portano a risultati non esaltanti e clamorose smentite, il tutto accompagnato da gravi disavanzi finanziari.
L�avvio, in questo campionato, della squadra perugina non � stato dei pi� incoraggianti. Dopo il pareggio con il Brescia e la vittoria sull�Ascoli, sono arrivate due pesanti sconfitte con Palermo ed addirittura in casa col Carpi che hanno fatto traballare non poco la panchina di Nesta. Ma la societ� ha dimostrato, anche in questa situazione c�� stata una netta rottura con il passato, lungimiranza nel credere alle qualit� di questo giovane tecnico alla prima vera esperienza su di una panchina importante ed i risultati non si sono fatti attendere, tanto che in questo finale di girone d�andata la squadra umbra � da annoverare tra quelle poche compagini che esprimono un gioco piacevole e spettacolare, mettendo in mostra giovani talentuosi, finiti inevitabilmente nel mirino di grosse societ� della serie superiore.
Nesta � partito sin dalla prima giornata con idee molto chiare su come impostare il sistema di gioco della squadra: l�1-4-3-1-2 � stato adottato sin dalla prima giornata e mai ha subito modifiche. In fase di non possesso si difende su 4 linee (compresa quella del portiere) con Verre che va ad aggiungersi ai due attaccanti per la prima pressione. Il Perugia tende molto spesso a pressare alto in fase di costruzione di gioco da parte della squadra avversaria, ma sa anche racchiudersi nella sona centrale del campo e fare molta densit� in zona palla. La squadra alterna un gioco di posizione a quello dell�attacco diretto con gli stessi attaccanti che tendono a giocare piuttosto larghi col chiaro intento di allargare la linea difensiva e permettere gli inserimenti di Verre, che si dimostra l�attaccante pi� pericoloso e prolifico grazie alla sua capacit� d�inserirsi con i tempi giusti tra le linee ed al tiro, potente e preciso.
I tre attaccanti sono anche abili nel pressare sui difensori, in particolare Vido e Verre, per poi restare in due sopra la linea della palla, qualora la squadra avversaria riesca a superare la prima linea di pressione.
Il trequartista, classe 94, in prestito e di propriet� della Sampdoria, con alle spalle gi� alcuni campionati di serie A con Siena, Pescara e Sampdoria, sta trovando quest�anno la definitiva consacrazione, dopo alcuni anni di prestazioni altalenanti.
Ma , oltre a Verre, sono tanti i calciatori che vanno considerati di sicura prospettiva e che solo da quest�anno stanno esprimendo un alto rendimento. Partendo dalla difesa , si pu� citare Gyomber (92) . Lo slovacco fu portato in Italia dal Catania che lo fece esordire in serie A e le sue apparizioni fecero s� che finisse nel mirino della Roma che lo acquist� per una cifra importante. Dopo che lo scorso campionato, a Bari, aveva trovato la possibilit� di giocare con continuit�, quest�anno si sta rivelando come uno dei migliori difensori della cadetteria per rendimento e qualit� tecniche.
L�altro centrale � l�ex Spal e Crotone Cremonesi (88), da alcune partite ottimamente sostituito per infortunio da El Yamiq, un ragazzone marocchino di 190 centimetri, in prestito dal Genova che lo aveva acquistato dal Casablanca e girato quest�anno al Perugia perch� si ambientasse nel calcio italiano.
Sulle fasce operano Mazzocchi (ex Parma, 95), pi� bravo ad attaccare che a difendere e Falasco (ex Avellino,93), anche lui assente da alcune partite e ben sostituito da Ngawa (ex Avellino 92), doppio passaporto belga – congolese, difensore centrale che si � adattato bene sulla fascia. Completa il reparto difensivo il portiere ex Empoli Gabriel che dopo un inizio incerto, � tornato su un rendimento a lui pi� abituale.
Le vere novit� arrivano dal centrocampo. Al sempre affidabile Bianco, capitano e play della squadra, a cui si � aggiunto in organico il promettente Bordin , classe 98 di propriet� della Roma, (98), vanno ad affiancarsi Kingsley (99, in prestito e di propriet� del Bologna) e Dragomir (99), proveniente dall�Arsenal 23 e acquisito senza alcun costo del cartellino.
Il Nigeriano ha un fisico minuto, ex primavera del Bologna, ha trovato subito spazio in prima squadra, grazie alle sua grande corsa e pi� che buona tecnica e tattica individuale. Sempre pericoloso negli inserimenti ma anche pronto a difendere in fase di copertura. Un centrocampista completo e di grande prospettiva.
Dragomir, unisce alla corsa e forza fisica visione di gioco e buona tecnica. Un motorino di centrocampo inesauribile, sempre pronto a far ripartite lメazione e dettare il passaggio al portatore di palla. Bravo anche nellメinterdizione.
Le qualit� tecniche di Melchiorri si legano bene con la potenza fisica e abilit� nel tiro a rete di Vido, alla ricerca quest�anno della sua definitiva esplosione. Il ragazzo, si dimostra ancora un po´ acerbo e deve migliorare soprattutto sotto l�aspetto tecnico se vuol calcare palcoscenici pi� importanti.
Il Perugia , pu� contare anche sul ritorno di Hann (98), sfortunato quest�anno per alcuni problemi al ginocchio ma che sar� senz�altro utile alla squadra umbra nel girone di ritorno.