Zaccheria vietato per i tifosi campani

0
24 views

La gara tra Salernitana e Foggia sarà trasmessa in diretta sui teleschermi di Rai Tre Regione e si giocherà regolarmente a porte aperte. Lo ha stabilito ieri il Prefetto di Foggia, Sandro Calvosa all´indomani della decisione dell´Osservatorio sulle manifestazioni sportive che ha attribuito alla gara il coefficiente di rischio 3, vale a dire il massimo previsto dalla normativa vigente. La partita però sarà disputata regolarmente a porte aperte con il solo settore ospiti che sarà chiuso alla tifoseria salernitana alla quale si è sconsigliato di mettersi in partenza alla volta della città pugliese. Ieri mattina si è svolta la riunione definitiva alla presenza del Prefetto Calvosa, del presidente del Foggia Capobianco e del Presidente della Provincia Stallone. La gara sarà trasmessa in diretta per la provincia di Salerno alle ore 15. Una soluzione che la società dauna ha appreso con soddisfazione confidando poi nel buon senso della tifoseria rossonera che sarà osservata costantemente dalle forze dell´ordine anche in vista del prossimo derby che il Foggia dovrà giocare contro il Taranto. Anche la Lega di Serie C ha ufficializzato la disputa dell´incontro a porte aperte attraverso il comunicato 215/744 del 30 marzo. L´obiettivo è chiaramente quello di scoraggiare l´esodo di tifosi granata allo Zaccheria, visti i rapporti non propriamente idilliaci tra le tifoserie e considerati gli incidenti dell’andata finita con una rissa tra giocatori. Una decisione che ha fatto storcere il naso al presidente Lombardi. «Un provvedimento che penalizza ancora una volta la tifoseria granata. Esprimiamo il nostro disappunto perché i nostri tifosi si stanno comportando in maniera esemplare da quando è stato emanato il decreto Amato. Non vedo il motivo perché si debba vietare alla nostra tifoseria di sostenere la squadra». A chi gli chiede se per la gara con il Taranto si aspetta analogo provvedimento verso i tifosi ospiti, Lombardi afferma: «Con lo stadio Arechi a norma non ci sarà problema per ospitare i tifosi del Taranto». La squadra ieri si è allenata sotto la pioggia a Casignano e Bellotto ha fatto provare schemi di attacco e difesa dividendo il gruppo in due tronconi. In un angolo del campo c´erano Coppini, Gaeta, Romito, Pellegrino, Cammarota, Morete, Bardeggia, Arostegui e due giovani della formazione Berretti mentre sotto la guida di Bellotto il resto del gruppo ha provato schemi che hanno riguardato la difesa e l´attacco. Assente Siniscalchi, colpito da un improvviso virus influenzale con febbre, e Fusco (lutto familiare). A parte ha lavorato Colussi ancora alle prese con problemi agli adduttori mentre Straus non si è allenato per lo stesso fastidio. L´argentino Morete, inizialmente ha lavorato con il secondo gruppo ma Bellotto lo ha richiamato tra i titolari. Assente il presidente Lombardi, impegnato per lavoro, il responsabile del settore giovanile Carratù ha seguito parte dell´allenamento. Bellotto ha provato la difesa a quattro con Grassadonia, Orfei, Cardinale e Lanzara, a centrocampo gli interni erano Soligo e Caracciolo. Russo e Sestu dovrebbero essere gli esterni. In attacco Magliocco e Ferraro. Bellotto ha provato anche la difesa a tre con Grassadonia, Orfei e Cardinale con Lanzara spostato sulla linea dei centrocampisti a destra. Bellotto ha rivolto grande attenzione ai movimenti d´attacco. Stamane rifinitura all’Arechi e partenza per Foggia.

Fonte: Il Mattino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui