Capobianco risponde alle domande dei tifosi

0
24 views

Un Tullio Capobianco in versione ‘libro aperto’ quello intervenuto questa sera sul forum di Calciofoggia.it prima e nella trasmissione di Teleradioerre ‘Assist’ poi, per rispondere alle numerose domande dei tifosi sul delicato momento tecnico del Foggia, aggravato ulteriormente dalle recenti sviste arbitrali. Per fronteggiare quest’ultima problematica, il numero uno della società rossonera ha dichiarato di aver già preso i provvedimenti dovuti: “Ci siamo mossi attraverso la Lega verso la Can C presieduta dal sig. Dal Forno. Non ritengo che questi errori siano frutti di un disegno creato ai nostri danni, ciò nonostante sicuramente questi errori sono risultati decisivi in alcune partite. Non ultima quella di Foligno. anche in questa circostanza abbiamo provveduto ad inviare materiale filmato accompagnato da un esposto dettagliato al fine di far luce su tali episodi in attesa di fissare un incontro diretto con il designatore”.
Poi si è parlato dell’allenatore Campilongo ed a chi gli chiedeva di quantificare le probabilità di un suo eventuale esonero, il presidente ha confermato la piena fiducia al tecnico campano. “Il progetto Campilongo è confermato. Su questo progetto abbiamo puntato con la consapevolezza di chi vuole fare le cose per bene, con la lungimiranza necessaria. L´organico è stato allestito sulla base di un programma concordato e finalizzato a raggiungere obiettivi importanti in un arco temporale sufficiente a valorizzare anche il patrimonio calcistico dell´US Foggia”.
Risposte chiare da Capobianco anche per quanto concerne le critiche piovute in questi mesi sui due acquisti estivi Agazzi e Plasmati, rivelatisi poco utili alla causa rossonera in questo primo scorcio di campionato. “Agazzi è un portiere che l´anno scorso nel Sassuolo è arrivato ai play off. Tra informazioni prese con gli addetti ai lavori, tra i quali Lello senatore, abbiamo saputo che è un grande portiere. Sicuramente nelle prime partite non ha fatto bene ma resta un portiere di prospettive importanti. Parlando con il ds e con lo stesso Campilongo abbiamo puntato su di lui confidando nelle sue qualità che però non è riuscito a confermare. Per l´attaccante, anche li, abbiamo avuto varie opportunità di ingaggi ma abbiamo puntato su Plasmati per le sue caratteristiche. Era la nostra prima scelta”.
Il presidente, inoltre, ha anche smentito le voci sulle divergenze tecniche e caratteriali tra Campilongo e il d.s Di Bari: “E´ fondamentale che tra ds e allenatore si lavori in simbiosi e ci sia anche convergenza di idee, su come portare avanti un certo programma. Apparentemente all´esterno è emersa questa incompatibilità ma posso garantire che tutte le scelte sono state prese e continueranno ad essere prese congiuntamente, per il bene della squadra e degli obbiettivi che si propone”.
Infine, la situazione sul mercato e sulle possibili mosse per ritoccare la rosa a gennaio. “Girano tante, troppe voci ma nessuna di queste risponde a verità, addirittura c’è già chi dà alcuni giocatori in partenza ed altri in arrivo ma noi interverremo solo a tempo debito, ponderando bene le scelte. Saremmo felici se riuscissimo a riportare a Foggia giocatori importanti come ad esempio Shala che sarebbe felice di tornare ma vedremo se ci saranno i presupposti per questo ed altri graditi ritorni. In ogni caso, ci avvarremo della sessione invernale di mercato con criterio per apportare i correttivi necessari alla squadra”.