Fedeli:”All´andata il Foggia ci rubò i tre punti”

0
22 views

Non tuona più come nel girone di andata, ma la sua attenzione per le vicende biancorosse è sempre elevata anche se seguire tutto da Roma non è certo facile. Il presidente Franco Fedeli aspetta con ansia mista a curiosità la partita di domani a Foggia. L’Ancona che ha battuto il Perugia ha davvero svoltato verso la salvezza?
-Presidente Fedeli, dopo le sue pesanti critiche che avevano fatto seguito alla sconfitta di Castellammare, i giocatori le hanno risposto per le rime… sul campo battendo l’ambizioso Perugia.
-Va benissimo così. Segno che le mie critiche li hanno stimolati al punto giusto».
– Lei pensa che questa squadra debba essere sempre bistratta per rendere al meglio?
«Forse, ma devo dire che stavolta ci hanno messo qualcosa di loro. Ci hanno messo tanta volontà dimostrando attaccamento ai colori sociali».
– Baroni ha rischiato ed è stato premiato…
«Bravo il mister che nel secondo tempo ha vinto la partita a scacchi col suo collega del Perugia Cari. Le sostituzioni operate da nostro tecnico sono state fondamentali».
– Provi a spaziare tre le cose positive e quelle negative della partita col Perugia…
«Sicuramente ho visto finalmente un’Ancona grintosa e di carattere. Bene il portiere Farelli che come sapete ho ribattezzato “Salvatore”, ma bene anche Mancinelli e Staffolani che quando è entrato ha fatto la differenza. Un applauso anche a Nassi che pur non trovando il gol in attacco si è dato molto da fare. Invece ancora un po’ evanescente Docente e davvero male Mendil. Mi dicono che il ragazzo in questo periodo ha dei problemi, anche con il suo procuratore a quanto mi risulta ed non è tranquillo. Purtroppo si vede perchè da qualche settimana a questa parte non è più il Mendil che avevamo conosciuto nel girone di andata. Noi lo aspetteremo perchè si tratta di un giocatore importante per la squadra, ma non so fino a quando. Poi deciderà il mister. Io spero che Mendil già da Foggia torni ad essere una pedina fondamentale per l’Ancona».
– A proposito di Foggia: domani che Ancona si aspetta allo “Zaccheria”?
«La squadra determinata e orgogliosa che ho visto sette giorni fa al Del Conero. Io credo che la vittoria sul Perugia è stata la svolta del nostro campionato: adesso i giocatori sanno che possono battere anche squadre importanti e lo stesso possono fare dunque con il Foggia che, come il Perugia, all’andata ci rubacchiò i tre punti. E’ arrivato il momento di riscuotere il credito…».
-A proposito dei tifosi: ha visto la curva vuota…
«Mi dispiace per loro ma hanno avuto torto. Abbiamo bisogno dei nostri tifosi. Anche se hanno fatto questo sciopero per motivi rispettabili (contro la repressione negli stadi, ndr) dovevano capire che a rimetterci sarebbe stata solo l’Ancona. Per fortuna siamo riusciti a vincere la partita lo stesso, ma certo se ci fossero stati quelli della curva sono convinto che avremmo fatto anche meglio. E’ stato un brutto spettacolo, sembravamo una squadra orfana, senza nè padre nè madre. E vedere lo stadio del Conero così vuoto fa male al cuore».
– Gli ultras non sono entrati per una precisa scelta, ma anche gli altri settori erano semivuoti…
«E qui la colpa è nostra, di una squadra che ha dato poche soddisfazioni finora. Ma se vogliamo salvarci bisognerà farlo tutti insieme».

Fonte: Corriere Adriatico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui