Il guizzo di Mounard vale tre punti

0
26 views

E´ l´ottantunesimo minuto quello decisivo di Foggia-Giulianova; il portiere Greco non trattiene un lungo traversone di Galeotti; Mounard, il francese che ama Zidane, dà un saggio di freddezza e bravura. Aggancia, finta su un avversario e tiro che termina in fondo alla rete sguarnita(nella foto). La seconda vittoria interna consecutiva porta dunque la firma di Mounard, subentrato nella ripresa a Marco Cellini. E´ stato sempre il Foggia a tenere in mano le redini del gioco, rischiando una sola volta (e di brutto al 73´) nella ripresa quando Cozzolino si invola verso la porta difesa da Marruocco, ma si lascia ipnotizzare da un bravissimo estremo foggiano. Nel primo tempo sono quattro le occasioni migliori prodotte dagli uomini di Giannini; bello ma alto il tentativo di Catalano, ma è ghiottissima la palla gol che capita ad Oliveira al 14´; Da Silva scatta in posizione regolare, vede il belga smarcato,ma l´ex fiorentino a pochi passi dalla linea di porta fallisce il bersaglio. Ci prova anche Micco (sicuramente uno dei migliori in campo) con un maligno tiro cross che costringe alla deviazione in angolo il portiere del Giulianova Greco ed è ancora il neo fluidificante rossonero ad impensierire la difesa abbruzzese con una botta che apre le danze nelle ripresa. Al 59´ ottima combinazione fra Oliveira e Micco, cross radente per Cellini che manca di pochissimo l´appuntamento col gol. L´occasione che capita a Da Silva al 78´, col paraguagio che raccoglie un lancio di Mounard proveniente da destra, ma tira male, è il preambolo al gol partita di Mounard. Malgrado i cinque minuti di recupero il Foggia non rischia assolutamente niente. Finisce 1-0 e con un gol su azione, stavolta.