La società del Manfredonia dopo il cda:”Solidarietà a Di Donna”

0
22 views

Il Consiglio d’Amministrazione esprime ferma ed inequivocabile condanna per gli intollerabili episodi di violenza che si sono verificati in occasione del derby Manfredonia-Foggia.

Rivolge, altresì, piena solidarietà al cronista Antonio Di Donna e al direttore di Teleradioerre Euclide Della Vista, oltre che al giornalista Rai Sergio De Nicola.

Manifesta inoltre la propria vicinanza al Vice-Presidente Michele Rotice della S.S. Manfredonia Calcio vittima anche lui dei soliti violenti che continuano a dimostrare di non capire nulla dell’agonismo calcistico.

Considerato che quanto accaduto domenica 25 marzo è il culmine di una lunga serie di episodi di intolleranza, il Consiglio d’Amministrazione non intende restare inerte di fronte a degenerazioni che sporcano i valori dello sport.

Se una minoranza facinorosa riesce a macchiare l’intero operato di una società, che con gran fatica e notevoli sacrifici si è conquistato un posto di tutto rispetto realizzando il sogno di due promozioni consecutive, c’è da chiedersi: dov’è la stragrande maggioranza dei tifosi, quando accadono episodi d’aggressione?

Fino a quando i teppisti non saranno isolati, fino a quando non sentiranno la condanna morale di tutti gli altri tifosi, sarà molto difficile estirpare dal calcio la pianta della violenza e ben poco potranno fare le forze dell’ordine se i valori che sono alla base del vivere civile non saranno parte della cultura di ciascuno e di tutti.

Coloro che hanno una visione infantile della vita e del calcio pensano che si possa e si debba sempre vincere per cui la violenza, malattia che sta soffocando il calcio italiano, a seconda dei casi e delle circostanze deve essere rivolta anche contro la propria squadra.

Se nella competizione contano i risultati, è altrettanto vero che le aggressioni autolesionistiche demotivano la squadra ed allontanano i risultati tanto pretesi.

È assolutamente necessario ripristinare un clima di fiducia, di serenità, di collaborazione, isolando non soltanto i soliti violenti ma anche chi sparge veleni con strumenti extracalcistici per diffamare, screditare, insinuare.

A fronte di questa situazione, il Consiglio d’Amministrazione della S.S. Manfredonia Calcio, unanime nell’analisi e negli intenti, preso atto che gli oneri sostenuti dai soci e l’impegno profusi dall’intera società non trovano i riscontri attesi, trae le relative conclusioni di una condizione divenuta insostenibile.

Per senso di responsabilità e per far fronte agli impegni assunti, rinvia le determinazioni alla fine della stagione.

Fonte: manfredoniacalcio.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui