Nicoletti:”Basta pensare al Giulianova, adesso c´è il Foggia”

0
22 views

Insieme alle festività pasquali il San Marino deve per forza avere messo in archivio anche l’inaspettata sconfitta con il Giulianova. Troppo importante adesso guardare al futuro e alle 5, o 7, partite che rimangono alla fine della stagione e quindi anche dall’obiettivo salvezza. Domenica (ore 15) i biancazzurri tornano all’Olimpico e contro un Foggia che vuole punti play-off non possono più sbagliare. “Non dobbiamo assolutamente più pensare al Giulianova – conferma il tecnico Nicoletti – perché altrimenti potremmo metterci a rimpiangere tutto il campionato: i nostri 29 punti in classifica, infatti, sono frutto di un campionato altalenante. Cancelliamo tutti gli aspetti negativi e andiamo avanti. Ora non servono né pentimenti né delusioni, altrimenti sarebbe come scavarsi la fossa da soli”.

Invece il San Marino è vivo e Nicoletti lo crede più che mai. E una cosa dalla gara di domenica scorsa la prende come insegnamento: “Il fatto che il Giulianova, ormai già praticamente retrocesso, sia venuto a prendere tre punti che non gli serviranno sul nostro campo, deve servirci come esperienza. Se ci sono riusciti loro, a maggior ragione dovremo cercare di farlo noi su tutti i campi da qui alla fine. Adesso le possibilità di salvezza diretta si sono affievolite ad un 20%, ma noi ce le dovremo giocare finché ce ne saranno. Non nascondo, comunque, che si parte dal presupposto di dover disputare ancora sette partite, dunque anche quelle dei play-out: dobbiamo assolutamente arrivarci preparati mentalmente. Prima però giochiamoci tutte le chance”.

Di certo affrontare una squadra come il Foggia ancora in piena corsa per i play-off e per di più reduce da una sconfitta non è la situazione migliore… “La squadra deve capire che deve giocare e stare lì con la testa e con la mentalità di chi vuole salvarsi. Questa deve essere l’espressione della nostra vitalità, anche contro una squadra che è già in ritiro da una settimana e che, avendo lasciato i tre punti a Teramo, ora vorrà venire a prenderli da noi. Mi dispiace che ancora una volta gli infortuni non mi permettano di avere a disposizione la rosa completa: oltre a Ceccarelli e Giorgetti che praticamente non ho mai avuto, saranno ancora fuori anche Faieta e Ligori. Pensavo di potere recuperare almeno Federico, invece in settimana si è allenato pochissimo. Ma non sono solo loro ad essere in cattive condizioni fisiche. Vedremo di fare ancora una volta di necessità virtù”.

Fonte: Sanmarinonotizie.com