Salerno a Calciofoggia.it:”Cuoghi al Foggia? Anche a me piacerebbe allenare il Real Madrid”

0
22 views

Torna a parlare il direttore sportivo Nicola Salerno e lo fa dopo una settimana pesante, incominciata dopo la brutta sconfitta di Teramo, proseguita a Cuneo e che troverà il suo epilogo a San Marino, in una gara dal sapore di ultima spiaggia:”Sì, quella di domenica è una partita molto difficile e importante ma non la chiamerei ultima spiaggia. A Foggia si tende a drammaticizzare troppo una sconfitta e ad esaltarsi per una vittoria.A San Marino dovremo giocare una gara intelligente per rimanere agganciati al treno play off ma molto dipenderà dai risultati degli altri, visto che ci sono alcuni scontri diretti”. Difetti o meno della piazza, sarebbe difficile per tutti digerire una sconfitta come quella patita domenica scorsa. Salerno lo sa bene e recita il mea culpa:” La sconfitta di Teramo è stata accolta molto male e noi siamo i primi ad esserne rammaricati. Purtroppo hanno prevalso le loro motivazioni ed il loro ardore agonistico dovuto alla necessità di punti e al cambio di allenatore. Noi ci abbiamo messo del nostro indietreggiando il baricentro e subendo preso due gol evitabili. Ci cospargiamo il capo di cenere”. Per la quarta volta nel giro di poche giornate il Foggia si fa rimontare dopo essere passato in vantaggio e, soprattutto, dopo aver dimostrato di avere in pugno la partita (vedi Perugia, Gallipoli, Manfredonia e Teramo). Difficile trovare una soluzione ad un moderno caso “dott. Jekyll and mr. Hyde”, degno del miglior Sherlock Holmes. Salerno prova a vestire i panni dello psicanalista e prova a dare la sua lettura:”La squadra ha sempre lottato e quindi mi sento di escludere problemi di natura fisica. Probabilmente c´è qualcosa dal punto di vista psicologico, forse stiamo soffrendo un pò la situazione che si è creata nelle ultime settimane. Non tutti i nostri calciatori sono abituati alle pressioni di una piazza come Foggia”. Si sa che in queste situazioni, il primo a finire sul banco degli imputati è il tecnico. E´successo a Cuoghi ed ora tocca a D´Adderio, ma Salerno, per il momento preferisce non pensare all´ipotesi esonero:”D´Adderio non è in discussione e sarà il nostro tecnico fino al termine della stagione. Non avrebbe senso cambiare adesso, a cinque giornate dalla fine -dice deciso Salerno, poi però lascia aperto uno spiraglio-. Solo in caso di una debacle si potrebbe rivedere la sua posizione ma preferisco pensare in maniera positiva”. Infine una battuta in risposta alle molte interviste a Cuoghi circolate nei giorni scorsi a Foggia:”Cuoghi avrebbe dichiarato di essere disposto a tornare a Foggia? Eh, anche a me piacerebbe andare al Real Madrid…”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui